Arrow Downward Arrow Downward Close Close Done Done
iGENEA
Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com WhatsApp

Popolo d'origine Ebrei - Ancestry e origine

Chi sono gli ebrei?

Judah e Israele sono nomi che hanno componenti geografiche, politiche, etniche e teologiche nel corso del cambiamento storico.
Il termine "giudaismo" si riferisce non solo alla religione ebraica, ma anche all'appartenenza etnica al popolo ebraico e a tutto il suo ambiente culturale, politico e filosofico, sia nell'antico Israele che nella diaspora. Una definizione di ebraismo generalmente accettata e accattivante manca ancora oggi, anche perché non esiste una comprensione uniforme dell'ebraismo all'interno dell'ebraismo stesso a causa delle varie correnti - dall'ultraortodossia all'ebraismo di riforma. Il termine può essere riassunto al meglio attraverso la Halacha, la legge religiosa ebraica. Qui il momento religioso è sempre legato all'idea di un'etnia ebraica. Un ebreo è una persona la cui madre è lei stessa di origine ebraica.
Le differenze nelle convinzioni religiose, nell'origine culturale, nel carattere etnico e nell'immagine di sé rendono per molti la risposta alla domanda "Chi è un ebreo?


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

Qual era l'etnogenesi degli ebrei?

Secondo la tradizione, Israele è stato costituito per elezione o dal patto del Sinai come un popolo che è collettivamente obbligato a rispettare la Torah. L'unico Dio, la Torah come volontà rivelata di Dio, l'unico popolo d'Israele e la terra d'Israele come effettiva portata della Torah formano una solida struttura di convinzioni religiose di base.

L'archeologia è stata in grado di determinare e ricostruire molte cose negli ultimi decenni.

Gli israeliti si cristallizzarono alla fine del XIII secolo a.C. come un gruppo gradualmente distinto a Canaan. Immediatamente prima di questo momento, non è stata trovata alcuna prova archeologica riconoscibile di una presenza israelita in Egitto. Secondo l'archeologo Finkelstein, gli ebrei non erano quindi venuti da fuori, ma erano autoctoni.

Davide e la sua dinastia governavano su una regione isolata e rurale in periferia, dove non c'erano né grandi ricchezze né un'amministrazione centralizzata. Né ha conosciuto un improvviso declino con debolezza e sfortuna dopo un periodo di ricchezza senza precedenti. Piuttosto, ha subito un lungo e graduale sviluppo nel corso di centinaia di anni. Ci sono voluti secoli perché si sviluppasse una monarchia centralizzata e una religione nazionale, con il punto focale a Gerusalemme.

La formazione del Regno di Israele è stato un processo che si è svolto su due livelli: come parte di sviluppi a lungo termine nella regione montuosa, avvenuti non più tardi della tarda età del bronzo, e come diretta conseguenza della situazione specifica del IX e dell'inizio dell'VIII secolo.

Dopo la caduta del Regno del Nord di Israele, Giuda è passato da una comunità montana isolata a uno Stato vero e proprio, strettamente integrato nell'economia assira. Solo la caduta del Regno del Nord e il reinsediamento di un gran numero di israeliti in Giuda ha portato alla nascita dell'ideologia pan-israelita nel Sud. Ciò ha propagato l'idea della superiorità e della sola legittimità della dinastia davidica e del Tempio di Gerusalemme nell'ormai ebraica popolazione mista israelita. Con il ritiro dell'Assiria dalla regione, questa ideologia si è estesa a tutta la popolazione e a tutti i territori un tempo governati dai due regni ebraici.

Dopo la deportazione dell'élite israelita da parte dei babilonesi nel 587 a.C., dal contatto sociale degli israeliti con i samaritani, gli edomiti e i nativi kaaniti nell'ambiente multietnico di Giuda si formò un nuovo giudaismo. Dopo il ritorno dell'élite israelita in Giudea dopo mezzo secolo di esilio babilonese, c'era un'identità ebraica diversa dall'etnia degli israeliti storici.

Esdra è da considerarsi il vero fondatore dell'ebraismo. Per circa il 440 a.C. Esdra e Neemia realizzarono una riforma religiosa a Gerusalemme e in Giudea. D'ora in poi, c'è un'identità ebraica diversa dall'etnia degli israeliti storici. La sinagoga fu anche il luogo del primo culto puro della parola e della preghiera, che avrebbe reso l'ebraismo indipendente dal culto del Tempio di Gerusalemme, finalmente distrutto nel 70 d.C.. Da questo momento fino all'emancipazione nel XIX secolo, l'ebraismo è esistito come unità di nazione e religione, come "folklore sacro". Sia in termini etnici che religiosi, uno era ormai ebreo.

Dal VI secolo a.C. gli ebrei si sono adattati alla vita nella diaspora: hanno cercato di convivere tra loro nella loro religione e nelle loro tradizioni, adattandosi allo stesso tempo in modo flessibile al loro ambiente linguistico. Gli ebrei della diaspora sono generalmente multilingue e conoscono non solo le tradizioni ebraiche, ma anche gli usi e costumi della maggioranza della popolazione che li circonda.



Come vengono definiti gli ebrei?

Secondo la legge rabbinica, l'Halakhah, un ebreo oggi è chiunque sia nato da una madre ebrea o si converta correttamente al giudaismo. Lo status del padre è del tutto irrilevante. Se qualcuno nasce ebreo o si converte all'ebraismo, questo stato rimane per sempre dopo l'Halakhah. Se un ebreo riformatore o conservatore non può provare la madre ebrea o la conversione ortodossa, non è "non ebreo" per gli ebrei ortodossi.

Anche se il governo israeliano usa una definizione per identificare un ebreo che è simile a quella dell'Halakhah, la integra (con lo scopo di escludere i cristiani ebrei): chi non professa una religione diversa da quella ebraica, e la concessione della nazionalità ebraica (da separare dalla cittadinanza israeliana!) è fatta dipendere da questo.

Nel giudaismo riformista, fino all'attuazione del sionismo dopo il 1967, per giudaismo si intendeva una sola affiliazione religiosa ebraica, mentre negli ambienti laici sionisti si intendeva una mera etnia o nazionalità.

Poiché gli ebrei vivono in tutto il mondo, hanno adottato etnie, culture e tradizioni diverse. Tuttavia, tutti si sentono in qualche modo legati a Israele, si sentono minacciati dall'antisemitismo, e coloro che sono rimasti fedeli rigorosi condividono un legame spirituale con la Torah.



Quali sono i principali gruppi tra gli ebrei?

Ci sono tre gruppi principali di popolazioni ebraiche: gli ebrei orientali, sefarditi e ashkenazisti.

A) I sefarditi sono originari della penisola pirenaica (Spagna, Portogallo). La loro lingua madre è il ladino (spagnolo ebraico). Nel 1492 iniziò il grande esodo dei sefarditi. Sono stati assorbiti nella regione balcanica e in Olanda.

B) L'Ashkenazim nel Medioevo era generalmente indicato come gli ebrei dell'Europa centrale (Germania, Francia, Inghilterra). Tra il 1050 e il 1300, gli ebrei nei paesi di lingua tedesca dominavano in termini di popolazione e di attività culturali. La loro lingua madre è lo yiddish. Tuttavia, il numero di etnia ashkenazim oggi è significativamente maggiore del numero di parlanti yiddish.

C) Tutte le popolazioni ebraiche che non sono sefardite o ashkenaziste sono chiamate ebrei orientali. I loro insediamenti si trovano dal Marocco a ovest all'Iran a est, dalla Georgia a nord allo Yemen a sud. Gli ebrei orientali parlano una grande varietà di lingue: Ebraico-Marocchino, Ebreo-Tajik o Bukhariano, Ebraico-Tatariano, ecc. Nel complesso, gli ebrei orientali hanno sofferto meno dell'antisemitismo dei loro popoli di contatto rispetto ai sefarditi e soprattutto agli ashkenazisti.



Che lingue parlano gli ebrei?

Dei 14 milioni di ebrei nel mondo, circa 7,5 milioni parlano la lingua ebraica. Ivrit (Nuovo ebraico) è la lingua ebraica con il maggior numero di parlanti (5,1 milioni). Circa 2 milioni di ebrei parlano yiddish, la maggior parte di loro vive negli Stati Uniti (1,25 milioni). Altre lingue ebraiche sono l'ebraico-marocchino (270.000), l'ebraico-iracheno o yahuduan (120.000), l'ebraico-spagnolo o il ladino (117.000) e numerose altre varianti di lingua regionale parlate dagli ebrei orientali.



Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi tutti i popoli d‘origine

Ecco come funziona l'analisi dell'origine del DNA

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit di prelievo:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prelievo:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179