iGENEA
Origine in percentuale

L'origine di tutti gli antenati è determinata in base a regioni e percentuali. Una mappa del mondo mostra le tue diverse origini.

Trovare parenti

Riceverai una lista di parenti genetici nel tuo risultato online. Potete contattare i vostri parenti via e-mail per saperne di più sulla tua famiglia e sul tuo background.

Risultato con certificato

Oltre al risultato online, riceverete un nobile certificato di origine in una cornice e altri documenti in una elegante cartella.

Popolo d'origine

Imparerai l'aplogruppo e le migrazioni (tempo preistorico), i popoli primitivi (antichità) e la regione di origine (Medioevo) della linea paterna (uomini) OPPURE della linea materna (donne).

Tutti i popoli d‘origine

Solo con il test iGENEA Expert è possibile conoscere esattamente gli aplogruppi e le migrazioni (epoca preistorica), i popoli primitivi (antichità) e le regioni di origine (Medioevo) della linea paterna E materna.

Tutti i parenti

Solo con il test iGENEA Expert troverete tutti i vostri parenti genetici nel nostro database.

Più parenti

Riceverai un elenco supplementare di altri parenti della linea paterna (uomini) OPPURE della linea materna (donne).

Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com Live-Chat WhatsApp

Popolo d'origine Fenici - Ancestry e origine

Il paese della Fenicia

Il cuore dell'insediamento fenicio era il paesaggio della Fenicia, conosciuta nell'antichità come Terra Viola, secondo il suo nome. Il nome originario della Fenicia era Canaan. Questo paesaggio si estendeva nella parte settentrionale del Medio Oriente e comprendeva la fascia costiera della Siria, del Libano e di Israele.
Già nel III millennio a.C. le più importanti rotte commerciali del Medio Oriente si incrociavano in Fenicia, stabilendo collegamenti con l'Egitto a sud e con la Mesopotamia a est. Oltre alla porpora, il legname (soprattutto i cedri del Libano) era una merce ricercata che veniva esportata.
Nel secondo millennio a.C. i contatti commerciali si estesero a Cipro, al Mar Egeo e all'entroterra siriano. Tra i primi centri commerciali vi erano le città portuali di Byblos, Tyros, Sidon e Berytos (Beirut).


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

Etnogenesi

La popolazione maggioritaria della Fenicia era costituita dai Fenici, che nel II millennio a.C., come popolo dal profilo linguistico-culturale, si separarono dal continuum delle antiche popolazioni cananeitiche (Cananei).

Linguisticamente, i Fenici sono imparentati con altri popoli semitici nord-occidentali, cioè gli Aramaei, gli Israeliti e i Moabiti. Una fase più recente dello sviluppo del fenicio è la forma linguistica del popolo punico in Nord Africa.



Cronologia del pomicianesimo

Poiché non esisteva uno "Stato fenicio", non si può scrivere una storia comune. La Fenicia è piuttosto definita dalle città-stato rappresentative di Arwad, Byblos, Sidone e Tiro. Sia l'Antico Testamento che le fonti assire citano solo le città fenicie della costa mediterranea, non uno stato che le rappresenta. Tuttavia, condividevano un linguaggio e una scrittura comuni, la religione e la cultura materiale.

Per quanto riguarda il panorama culturale delle città-stato sul Levante, l'identità fenicia si riflette nelle tradizioni appena spezzate dell'antica età del bronzo del Vicino Oriente, nella predominanza di uno stile di vita urbano differenziato e nelle conoscenze tecniche (e amministrative) altamente sviluppate di una civiltà ad alto livello.

Le caratteristiche comuni di una storia fenicia possono essere identificate: Le città-stato, essendo le loro rispettive camere di insediamento territorialmente limitate, furono costrette ad espandersi, che si svolsero sul mare fino a Cipro, Creta, già nel X secolo a.C. anche ad ovest (Malta, Sicilia, Sardegna, Spagna e Nord Africa). Contatti economici, politici e culturali esistevano anche nel Nord della Siria e in Anatolia.

La supremazia politica sembra essere stata inizialmente localizzata vicino a Byblos dopo il crollo degli stati del nord della Siria dopo il 1200 a.C., ma apparentemente è passata a Tiro, che fu fondata da Sidone, già nel X secolo a.C.. Solo più tardi, Cartagine fu fondata in Nord Africa. Tiro rimase "Madre di Cartagine" e da lì ricevette aiuti finanziari per un lungo periodo (fino al 540 a.C. circa).

Dopo l'invasione dei Popoli del Mare, poco dopo il 1200 a.C., il dominio egiziano divenne sempre più rilassato e le città-stato fenicie vissero un periodo di indipendenza politica a partire dal 1100 a.C., rendendo inizialmente omaggio agli assiri. Seguirono periodi di dominazione dei Babilonesi, dei Persiani e dei Macedoni sotto Alessandro Magno. Durante il dominio persiano, Tyros fu finalmente superato da Sidone.

Tiro si difese contro Alessandro Magno nel 333 a.C. e fu sconfitto dopo un assedio di 7 mesi. Sotto en Diadochen e dopo il 64 a.C. sotto i Romani, le città fenicie non avevano più un ruolo politico. Nel II millennio a.C. la Fenicia era sotto il dominio dell'Egitto. La città dichiara Quando la Fenicia fu incorporata nella provincia di Siria nel 64 a.C., aveva già perso il suo precedente ruolo nel traffico commerciale della regione del Mediterraneo orientale.



Colonizzazione

Nel periodo tra il 1100 e il 700 a.C. circa, i Fenici fondarono centri commerciali nel Mediterraneo, lontano dai loro porti di origine. Tyros era particolarmente attivo nella creazione di colonie.

Attraverso il commercio fenicio, Cipro si è sviluppata in un hub tra il Mediterraneo orientale, l'Egeo e l'Occidente.

Una delle più antiche basi fenicie del Mediterraneo occidentale è Gades (l'odierna Cadice), fondata intorno al 1100 a.C. Le colonie del Nord Africa, Hippo Regius, Utica e Cartagine, furono fondate nel IX secolo a.C..



La caduta dei Fenici

I Fenici furono assorbiti dalla popolazione araba che si stabilì in Fenicia fin dalla tarda antichità. Nelle colonie fondate dai Fenici nel Mediterraneo occidentale, i Fenici si sono assimilati alla popolazione locale maggioritaria. Linguisticamente, il fenicio è rintracciabile nella sua variante più giovane, cartaginese, fino al VI secolo d.C.. Al tempo delle migrazioni arabe del VII secolo d.C., il fenicio in senso etnico si era già dissolto.

Chi il folklore fenicio e la lingua fenicia sono sopravvissuti ai tempi. Ma senza l'alfabeto fenicio, che in forma trasformata ha trovato la sua strada in tutto il mondo, la nostra scrittura moderna è difficilmente immaginabile. Il ramo greco dell'alfabeto fenicio ha a sua volta prodotto l'alfabeto latino.



Cananeiti

Sotto il nome di Canaanite sono riassunte varie tribù, che si insediarono nel paesaggio storico di Canaan nel III e II millennio a.C.. Non si sono uniti per formare una tribù etnicamente omogenea, né hanno mai sviluppato un senso di solidarietà politica. Neanche loro formano un comune stato cananita. Tuttavia, si è sviluppata una cultura cananea con un effetto duraturo.

I fenici, gli amorrei e gli hurriani appartengono alle antiche etnie cananei. Le popolazioni di Canaan erano principalmente di origine semitica.

Dalla metà del secondo millennio a.C. in poi, i popoli migrarono a Canaan, dove gli antichi Canaaniti si assimilarono gradualmente. Le popolazioni più giovani di Canaan comprendono i Filistei, i Moabiti, gli Edomiti e gli Ammoniti e gli Israeliti.

I piccoli imperi sovrani della regione sono stati sotto l'influenza politica delle grandi potenze contemporanee per il periodo più lungo della loro esistenza. L'interesse dei potenti imperi vicini a Canaan si basava principalmente sul suo ruolo di centro delle più importanti rotte commerciali del Medio Oriente e del Mediterraneo orientale.

Nel II millennio a.C. fiorì la tradizione del dio Baal, il cui culto si diffuse in tutta Canaan. Il culto Baal è stato per un certo periodo il più forte concorrente del culto di Yahweh degli israeliti.



Popolo punico (cartaginese)

La storia del popolo punico è intesa come il destino storico della fondazione fenicia di Cartagine e degli insediamenti cartaginesi e fenici nell'area del Mediterraneo occidentale, che dalla fine del VI secolo a.C. si fuse sempre più in un "impero" cartaginese. Il termine "storia punica" serve quindi soprattutto a periodizzare storicamente la storia fenicia ed è di scarso aiuto nella classificazione dei reperti archeologici e come aiuto di classificazione nella storia della religione, della lingua e della cultura.

Il profilo etnico del popolo punico come popolo diverso dai Fenici apparve solo tardivamente, al momento dell'espansione della supremazia politica di Cartagine nel Mediterraneo occidentale a partire dal V secolo a.C..

La città di Cartagine fu fondata nell'814 a.C. dai Fenici di Tiro. A partire dal VII secolo a.C., le tribù puniche si impadronirono della protezione militare delle colonie fenicie nell'area essenzialmente mediterranea e mantennero contatti commerciali. In un'alternanza di alleanze con gli Etruschi e inizialmente anche con i Romani (V e IV secolo a.C.), le tribù puniche limitarono l'influenza delle colonie greche in Sicilia e nel sud della Francia. Alla fine del V secolo a.C. erano diventati la più forte potenza politica dei paesi mediterranei ad ovest della Sicilia.

La "formazione dell'impero", cioè il dominio politico di Cartagine su altri insediamenti e regioni fenicio-cartaginesi, è visibile a partire dalla seconda metà del VI secolo a.C. negli interventi militari che Cartagine intraprese in Sicilia, Sardegna e al largo della Corsica per assicurare la presenza fenicio-punica e la libertà di movimento marittimo.

Nelle guerre puniche (264-241, 218-201, 149-146 a.C.) la supremazia politica del popolo punico fu spezzata dai Romani. La lingua, la religione, l'identità etnica e in parte anche le istituzioni politiche del popolo punico rimasero formative o almeno presenti anche dopo la distruzione di Cartagine (146 a.C.) - così come negli imperi fortemente punicizzati come la Sardegna, almeno fino alla fine del III secolo d.C..

L'anno della distruzione di Cartagine (146 a.C.) è considerato l'inizio del periodo linguistico neupino. Da allora, il punico si è sviluppato indipendentemente dal fenicio. Come il fenicio, era anche in uso come lingua scritta. Come lingua parlata è rimasta fino al VI secolo d.C.

Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi Australiani aborigeni Arabi Berberi Cinese Daci Etruschi Iberi Nativi americani Inca Inuit Popoli dell'Italia antica Giapponesi Curdi Liguri Maya Mongoli Popoli dell' Oceania Persiani Roma Sciti Slavi Tibetani Fenici Indiani Coreani Bantu Popoli turchi Sami Illiri Vandali Balti Macedoni Helleni Unni Traci Finno-Ugri Indoeuropei

Test delle origini e genealogia del DNA: come funziona?

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit per il test
Ordinare il kit per il test:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prova
Ottenere il kit di prova:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni
Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni
Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato
Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

  • iGENEA Basic

    Ordinato dal 29% dei clienti interessati al test sulle origini.

    179 EUR
    Ordinare  
  • iGENEA Premium

    Ordinato dal 55% dei clienti interessati al test sulle origini.

    499 EUR
    Ordinare  
  • iGENEA Expert

    Ordinato dal 16% dei clienti interessati al test sulle origini.

    1299 EUR
    Ordinare