Arrow Downward Arrow Downward Close Close Done Done
iGENEA
Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com WhatsApp

Popolo d'origine Germani - Ancestry e origine

Chi erano i Germani?

Il termine germanico è una classificazione etnologica di antica tradizione per un nutrito gruppo di Celti e Sciti e designa l'ultimo dei popoli classificati come barbari dalle culture mediterranee.
I popoli germanici non costituivano un'unità culturale comune all'epoca in cui ereditarono i Celti o i Galli nel ruolo dei vicini settentrionali dell'Impero Romano. Essi mantennero la loro indipendenza, anche se ci fu anche un intenso scambio tra i romani e i popoli germanici.
L'origine del nome "Teutoni" non è chiara; le fonti antiche non sempre distinguono tra Teutoni, Celti e Sciti.
La tradizione letteraria dei conflitti bellici e dei rapporti pacifici tra Roma e le tribù germaniche si riferisce quasi esclusivamente in una prospettiva romano-mediterranea. Inoltre, è frantumato, è soggetto alle condizioni specifiche della storiografia e dell'etnografia romana, mira al gusto contemporaneo di un pubblico di lettori greco-romani ed è fortemente dipendente dalle notizie disponibili, spesso ufficialmente filtrate.
Intorno al 51 a.C. Giulio Cesare coniò il termine germanico nella sua opera "La guerra gallica", in cui dichiarava il Reno come la divisione culturale tra i Galli della sponda occidentale e le tribù germaniche ad est del fiume e descriveva tutte le terre ad est di esso come Germania. La definizione culturale divisiva di Cesare era probabilmente motivata da motivi puramente politici; apparentemente lo aiutò a stabilire una rivendicazione di Roma sul potere su tutti i territori del Reno occidentale. Tuttavia, il Reno non rappresentava una vera e propria frattura culturale, poiché sia i gruppi celtici che quelli germanici si stabilirono ad est e ad ovest di esso, e Cesare ne era consapevole.
La diffusione del nome germanico oggi è solitamente attribuita al fatto che i Galli consideravano gli invasori orientali (Suebi) come estranei, si separavano da loro e usavano il nome germanico per gli invasori. I Romani l'avrebbero poi adottata dai Galli.
Intorno al 100 d.C. Tacito descrive la Germania nella sua "Germania", e in qualche misura anche la sua geografia, e nomina diverse tribù germaniche dal Reno alla Vistola. Descrive gli usi e costumi delle tribù germaniche, sottolineando il loro stile di vita morale secondo lui, come la loro vita familiare strettamente regolata, il loro carattere leale e sincero, il loro coraggio in guerra e la loro volontà di libertà. Ma sottolinea anche punti deboli come la loro pigrizia, la loro tendenza a giocare a dadi e il consumo eccessivo di alcol. Le notizie, tutte di seconda mano, si mescolano a topoi e generalizzazioni.
Tacito considera tutti i popoli germanici come originali, cioè hanno tutti la stessa origine e non sono mescolati con altri popoli, né sono emigrati in Germania. Tratti caratteriali che egli attribuisce, nella parte generale, a tutto il popolo che attribuisce a questa comune origine.
Diversi ricercatori considerano il lavoro come un'etnografia oggettiva, nonostante le opinioni contrarie. Questi opposti negativi e positivi alla cultura di Tacito, che in alcuni luoghi sono altamente polarizzanti, sono serviti solo a capire cosa c'è di diverso. Ciò è supportato dal fatto che molte delle sue descrizioni si sono dimostrate corrette e sono state confermate dall'archeologia moderna.
La ricerca germanica sui popoli germanici nel XIX secolo ha avuto un'enorme ripresa per la necessità di una determinazione dell'identità culturale nazionale, ha portato a importanti scoperte, ma ha portato alla costruzione di una continuità storica dai popoli germanici all'Impero tedesco del XIX secolo. Numerose affermazioni e concettualizzazioni di questa vecchia ricerca germanica sono oggi controverse.
Così, nel XIX e XX secolo, i popoli germanici erano intesi come un "popolo", e il "folklore" si basava sullo sviluppo del linguaggio e sullo spostamento dei suoni. Il concetto archeologico dei Teutoni si basava anche sul concetto linguistico dei Teutoni: Poiché lo "spirito del popolo" si esprimeva anche nelle loro creazioni materiali, i reperti archeologici sono stati assegnati a gruppi culturali stabili quando è stato possibile dimostrare un insediamento continuo e compatibile con le fonti antiche. Così, il concetto archeologico dei Teutoni presupponeva quello linguistico e quest'ultimo quello della letteratura antica.
Alla fine del XX secolo, invece, la ricerca sottolinea sempre più l'instabilità dell'identità etnica, soprattutto nell'antichità, e mette sempre più in discussione il concetto di popolo germanico, che ha avuto origine nel pensiero stato-nazionale del XVIII-XIX secolo. "germanico" è (come "barbaro") solo un termine straniero che dice più sui greci e sui romani che sui gruppi e gli individui designati dai termini.


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

Qual era la lingua dei popoli germanici?

Le lingue germaniche si distinguono dalle altre lingue indoeuropee per una caratteristica, lo spostamento consonante "germanico", che negli studi tedeschi si distingue come "primo" da un successivo "secondo" spostamento sonoro.

Rimane controverso l'ordine di dismissione e di "parentela" dei gruppi linguistici dell'Indo-Europa occidentale (non solo) balto-slavo, germanico, celtico e italiano. Ci sono sostenitori e oppositori ad ogni rapporto più stretto.

Alcuni ricercatori sospettano che il proto-germanico con i precursori delle lingue baltiche e slave abbia formato un gruppo dialettale all'interno delle lingue indoeuropee occidentali. Queste pre-forme germaniche potrebbero aver già assunto una posizione intermedia tra il celtico-italiano nel sud-ovest e il baltoslavic nel sud-est alla fine del III e all'inizio del II millennio a.C. a seconda della loro posizione geografica. Il proto-germanico si è poi distaccato da questo gruppo, secondo il quale mostra chiare interazioni con le prime lingue finlandesi. La lingua protogermanica (chiamata anche "Urgermanico" o "Germanico comune") potrebbe essere ricostruita in larga misura attraverso confronti linguistici. Si dice che questa preforma sviluppata sia rimasta relativamente uniforme fino al 100 a.C. circa, nel cosiddetto periodo della lingua germanica comune.

L'Urgermanico si è forse sviluppato nel II millennio a.C., al più tardi nel I millennio circa intorno al Mar Baltico occidentale. I parlanti di questo livello linguistico sono chiamati germanici, indipendentemente dalle prove etnologiche e geografiche. A causa della mancanza di prove testuali, non è possibile dire nulla di preciso sulla datazione della lingua germanica antica.

Le tribù germaniche si diffusero sempre più dalla loro area di lingua originale a sud e a ovest dell'Europa centrale fino al I secolo a.C.. Così facendo, hanno spostato i Celti e la loro lingua fino ai fiumi Reno e Danubio, che ora formano i torrenti di confine verso la Gallia celtica e anche verso la Rezia celtica.

A partire dal II secolo d.C. circa, le tribù germaniche hanno utilizzato i propri caratteri, le rune. Il cosiddetto Futhark più antico, una forma precoce dell'alfabeto runico, in uso fino al 750 d.C. circa. La Bibbia gotica tramandata del IV secolo ha una sua propria scrittura, ovvero l'alfabeto gotico sviluppato dal vescovo Wulfila.



Qual era l'etnogenesi delle tribù germaniche?

Almeno dalla metà del secondo millennio a.C., lo sviluppo delle popolazioni germaniche è andato per la sua strada. Le migrazioni degli indo germanici dalla regione tra il Don e il Volga hanno portato i portavoce dei proto-indo germanici nell'Europa centrale e oltre, verso l'Occidente. Durante la metà del primo millennio a.C., le tribù germaniche si insediarono in un cuore che si estendeva attraverso la Danimarca, la Norvegia meridionale e la Svezia meridionale e si estendeva lungo le coste del Mare del Nord e del Mar Baltico, dalle Fiandre a ovest fino alla Vistola a est. In occidente i Teutoni hanno allontanato le tribù celtiche. Nell'area del Mar Baltico sono stati a contatto con le pinne del Baltico per secoli.

Le popolazioni non indogermaniche non sono state semplicemente soppresse, ma hanno mantenuto stretti rapporti con i popoli germanici. Si è svolto un vivace commercio di scambio; inoltre, nel lungo periodo si sono sviluppate comunità di insediamento e, di conseguenza, connessioni etnicamente miste. Il vocabolario elementare delle lingue germaniche contiene fino al 28% di parole di origine non indoeuropea.

Al più tardi nel I millennio a.C. il comune continuum linguistico germanico era diviso in tre gruppi principali: germanico orientale, germanico settentrionale e occidentale. All'inizio, la germanica settentrionale era limitata alla Norvegia e alla Svezia, mentre i parlanti della germanica occidentale si stabilirono in Danimarca. Solo nella seconda metà del primo millennio d.C. gli abitanti della Germania settentrionale popolarono la regione. L'Oder era più o meno la linea di demarcazione tra la germanica occidentale e quella orientale.



Quali sono i risultati delle ricerche archeologiche sulle tribù germaniche?

Al centro della discussione sulle radici archeologiche delle tribù germaniche c'è la cultura Jastorf, che nella seconda metà dello scorso millennio a.C. ha coperto l'ampia area che va dall'ovest dell'Elba all'Oder e dal margine delle basse catene montuose allo Jutland.

Poiché un tale gruppo di forme, nella migliore delle ipotesi, è stato creato solo in seguito all'etnogenesi, la formazione del complesso etnico "Teutoni" deve essere avvenuta molto prima. Dopo la lunga età del bronzo o addirittura dell'età della pietra, i gruppi culturali, soprattutto del nord, erano considerati già germanici, l'inizio dell'età del ferro intorno alla metà dello scorso millennio a.C. è oggi considerato principalmente il periodo dell'etnogenesi germanica.

La cosiddetta cultura Jastorf nella regione dell'Elba, nella Germania settentrionale e nello Jutland è considerata la più antica cultura germanica. Poiché, tuttavia, la germanicità storica non può essere completamente derivata dalla cultura Jastorf, esistono anche casi isolati dell'opinione che l'etnogenesi germanica sia avvenuta relativamente poco prima delle prime testimonianze scritte e prima della formazione di una forma archeologica separata alla fine del I millennio a.C., con la partecipazione sia dei portatori della cultura Jastorf che di altri gruppi culturali dell'età del ferro al di fuori di essa, sia dei gruppi residui celtici dell'Europa centrale. Per secoli la cultura Jastorf ha avuto molteplici contatti commerciali con il mondo celtico dell'Europa centro-meridionale, come dimostrano numerosi reperti. Verso la fine del II e I secolo a.C. ci furono movimenti meridionali di gruppi più grandi (Cimbri e Teutoni, Suebi dell'Ariovista ecc.), che si riflettono anche nelle prime notizie storiche, che per la prima volta menzionano il termine "germanico". Ulteriori progressi non sono stati menzionati, ma trovano la loro espressione archeologica nel secolo scorso a.C. nella Baviera meridionale, in Boemia o nel Wetterau.

Le attività che emergono nei progressi portano, tra l'altro, a una diffusione della cultura Jastorf e allo stesso tempo portano a un'ulteriore differenziazione dei gruppi archeologici intorno alla nascita di Cristo. Ad ovest delle tribù germaniche dell'Elba, le tribù germaniche del Mare del Nord e le tribù germaniche del Reno e del Weser si possono riassumere archeologicamente, mentre le tribù germaniche dell'Oder, dell'estuario dell'Oder e della Vistola si trovano ad est. In che misura questi raggruppamenti possono essere riconciliati con ulteriori differenziazioni di tribù storicamente nominate viene giudicato in modo diverso.

Il periodo dal I al III secolo d.C. è caratterizzato in varia misura dalla costante vicinanza all'Impero Romano. Intorno alla nascita di Cristo si svolsero le offensive romane contro la Germania, che portarono alla fondazione delle province della Germania inferiore e superiore e alla costruzione del Limes; tuttavia, ci furono solo interventi minori nell'attuale territorio germanico.

Il mondo germanico delle forme è in netto contrasto con la civiltà delle province romane, così che l'incontro e la penetrazione di entrambi i mondi nella zona di confine reciproco può essere reso chiaro nei dettagli. Per quanto riguarda la struttura cronologica, il materiale del ritrovamento mostra una chiara divisione in due parti; l'età delle guerre marcomanniche nella seconda metà del III secolo d.C. separa il periodo imperiale più antico da quello più giovane.

. L'inizio del periodo delle migrazioni alla fine del IV secolo portò con sé una completa trasformazione o dissoluzione del complesso culturale germanico imperiale.

Nel III secolo d.C. le testimonianze archeologiche mostrano la formazione di unità culturali più grandi. Nel III / IV secolo, popoli come gli Alemanni, i Franchi, i Goti, i Sassoni ecc. apparvero per la prima volta - anche archeologicamente comprensibili.



Come classificare le tribù germaniche?

Per una divisione dei Teutoni nelle tre unioni di culto degli Ingwaoniani, Istvones ed Hermiones non aiuta, ma un divorzio naturale nei Teutoni occidentali (Alemanni, Suebi, Marcomani, Franchi), germanici dell'Est (Vandali, Goti, Anime, Avverte, Rugiani, Borgognoni, Gepidi, Longobardi), Elba, Mare del Nord e germanici del Nord (per Tacito 40, per Tolomeo un totale di 69 nomi) come ipotesi di lavoro utilizzabile. Lo sviluppo nell'Europa dell'Est si presenta come una costante mescolanza, acculturazione e assorbimento di elementi estranei (Daci, Carpazi, Sarmati, Alan, Slavi).

Qui, così come nel piccolo Occidente, le prime tribù, le associazioni tribali e di culto sono scomparse nel corso di movimenti come l'accaparramento delle terre, l'agglomerazione, l'integrazione, la disintegrazione, le nuove formazioni politiche e la loro disintegrazione, e anche le strutture sociali esistenti sono cambiate, anche se in passato è stata sottolineata la continuità.

Una recente ricerca sottolinea l'importanza dei nuclei di tradizione che danno il nome alla genesi etnica e alla continuità.

Anche se non è possibile stabilire un rapporto regolare tra i gruppi di forme archeologiche e le etnie storiche, le differenze nella cultura materiale della Germania riflettono qualcosa della diversità dei gruppi etnici in quest'area. In singoli casi, ad esempio, possono essere mostrati processi di espansione, come l'estensione dell'area di insediamento elbico-germanico attraverso la Boemia fino al Danubio centrale da parte delle tribù dei Marcomanni e dei Quades nel Vecchio Impero o l'occupazione della terra decumatizzata da parte degli Alemanni nel Vecchio Impero. Anche il processo inverso, lo svuotamento di alcune aree da parte dell'emigrazione, può in casi favorevoli essere dimostrato dai reperti archeologici (migrazione degli Angli verso la Gran Bretagna).



Qual è la storia dei popoli germanici?

Nella fase pre-romana, le tribù germaniche attraversarono i fiumi Reno e Danubio, che in seguito furono considerati come confini, in parte con la forza e in parte con l'approvazione della popolazione celtica. I contatti tra Romani, Celti e Teutoni hanno poi portato a processi di acculturazione, soprattutto nelle zone di confine. A partire da Augusto, tribù germaniche o gruppi tribali si stabilirono ripetutamente sul territorio romano. Con l'avanzamento del confine sul Reno e sul Danubio e la costruzione del Limes, altre tribù germaniche entrarono nell'immediato territorio romano, anche se è difficile identificarle nella cultura materiale del primo e alto periodo imperiale. Fin dai tempi di Cesare, le tribù germaniche erano al servizio dei romani come truppe ausiliarie.

Nonostante le esperienze reali e l'approfondimento delle conoscenze dovuto ai molteplici contatti, il "furor Teutonicus" divenne un luogo comune ideologico tra i romani, e questo si fece notare anche nelle rappresentazioni germaniche. I Teutoni erano il nemico di Roma! L'antica tradizione raffigura i Teutoni essenzialmente secondo lo schema della loro immagine barbarica.

La storia dei Teutoni è prima di tutto una storia dei singoli popoli nelle loro rispettive condizioni storiche. Di conseguenza, le affermazioni generalizzate sulla struttura economica, sociale e politica dei "popoli germanici" sono necessariamente indifferenziate e difficilmente adeguate alla realtà storicamente complessa. In generale, l'excursus germanico di Cesare e la "Germania" di Tacito sono utilizzati per stabilire i punti in comune germanici in una semplificazione inammissibile, ma entrambe le relazioni sono legate al tempo e possono essere interpretate solo in relazione alle rispettive intenzioni dei loro autori. Nel dettaglio, quindi, la tradizione letteraria e la ricerca archeologica devono essere analizzate prima di poter essere messe in relazione tra loro. In questo contesto, la ricerca sta cercando di sviluppare un concetto interdisciplinare dei Teutoni.

Questo perché i termini germanici propri delle varie discipline (archeologia, ricerca storica, linguistica) non sono più congruenti. Se, da un lato, i tipi di reperti non possono essere assegnati ai popoli, i teutoni storici non formano una famiglia linguistica, e coloro che parlano le lingue germaniche non sono necessariamente teutoni, allora le singole scienze non hanno più a che fare con un oggetto identico "teutone". Il concetto dei Teutoni prevalente in un campo scientifico non è quindi necessariamente valido in un altro. Gli scandinavi sono germanici solo nel campo della filologia germanica, i rappresentanti della cultura Jastorf solo tra i preistorici. Così, il concetto dei Teutoni è stato trasferito in periodi di tempo in cui non esisteva un senso di identità germanico.



Cosa è successo durante la migrazione dei popoli?

A seguito della crescita demografica e del deterioramento del clima, si è assistito a un aumento delle migrazioni e alla confisca delle terre, anche da parte di tribù scandinave, e alla formazione di associazioni tribali nella regione dell'Europa centro-orientale, difficili da distinguere l'una dall'altra. Una deriva di sud-est (Goti, Anime) portò, dopo Bastarnen e Skiren come precursori, le tribù germaniche sul Mar Nero nel III e IV secolo, dopo che le zone di confine settentrionale dell'Impero Romano erano già state colpite per la prima volta da una continua ondata di invasioni sotto l'imperatore Marco Aurelio (Marcomanni, Quades). Le continue e intensificate invasioni del III secolo furono una catastrofe decisiva per Roma (Alemanni, Franchi).

La distruzione delle strutture statali visigote e visigote nell'Europa sudorientale dopo il 375 da parte degli Unni portò ad un nuovo movimento migratorio che, con un nuovo intenso mescolamento nel secolo successivo, portò la metà occidentale dell'Impero Romano in mani germaniche e in particolare la maggior parte degli Ostrogoti in Gallia o in Germania. Spagna (Burgundi, Visigoti, Suebi) e Africa (Vandali), nei cui territori affluivano nuovi immigrati germanici (Heruls, Rugi, Longobardi) o stranieri (Bulgari, Slavi, Avari). Contemporaneamente all'accaparramento delle terre dei Franchi in Gallia, completato all'inizio del VI secolo, iniziò un processo di germanizzazione con un'invasione germanica del Nord (Sassoni, anglosassoni, anglosassoni) in Inghilterra. I movimenti tribali germanici si conclusero con il land grab in Italia a partire dal 568.

Chiaramente, le unità tribali germaniche (Goti, Franchi) si stabilirono come unità da combattimento federate all'interno dell'Impero Romano nel corso dello sviluppo a partire dal 375. Questo, così come poi il collegamento dei Teutoni finalmente stabiliti con i substrati esistenti affini (Baviera) o romanizzati (Leges) ha portato allo sviluppo statale del Medioevo.



Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi tutti i popoli d‘origine

Ecco come funziona l'analisi dell'origine del DNA

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit di prelievo:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prelievo:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179