Arrow Downward Arrow Downward Close Close Done Done
iGENEA
Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com WhatsApp

Popolo d'origine Slavi - Ancestry e origine

Dov'è l'origine degli slavi?

Nella vivace e per nulla conclusa discussione sull'origine degli Slavi, due approcci di ricerca completamente diversi si oppongono. Partendo dal presupposto di base che gli slavi "devono venire da qualche parte", la visione classica si basa sull'immigrazione di uno o più gruppi "urslavi" omogenei, di cui cerca di determinare l'identità e l'origine ("patria originale"). Secondo un modello più antico, si suppone che siano emigrati gruppi omogenei, mentre secondo una tesi modificata, le popolazioni slave si sono formate dai proto-slavoni migranti solo durante la migrazione o nel luogo di arrivo nell'ambito di un'etnogenesi. Secondo un'altra teoria, gli slavi, come categoria etnico-politica, sono una scoperta bizantina sotto forma di designazione straniera, cioè una categorizzazione dall'esterno.


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

Chi erano gli slavi primitivi?

Mentre la linguistica, in relazione alla preistoria e alla storia antica, almeno approssimativamente delinea le sedi dei primi slavi e il carattere della loro lingua, i tentativi di sviluppare una religione "slava", un ordine sociale o una cultura materiale sono da considerarsi falliti; piuttosto, le differenze regionali erano probabilmente troppo grandi, soprattutto perché gli slavi nei loro primi tempi erano per lo più sotto il dominio politico degli Avari e dei Goti, dai quali erano chiaramente fortemente influenzati a tutti i livelli.

Come conseguenza della migrazione preistorica dei popoli proto-indoeuropei dalla loro patria originaria tra il Don e il Volga ad ovest, l'etnogenesi degli Slavi iniziò nella prima metà del II millennio a.C. come un autosviluppo regionale, non isolato dagli altri popoli indogermanici, ma con loro. Si trattava in particolare dei Balti, con i quali gli Slavi hanno vissuto per secoli nei quartieri degli insediamenti. Anche gli slavi orientali sono stati in contatto con le popolazioni ugro-finniche (uraliani) per oltre un millennio e mezzo. La divisione delle lingue slave in un ramo orientale (russo, ucraino, bielorusso, ecc.), meridionale (sloveno, croato, serbo, bulgaro, ecc.) e occidentale (polacco, sorabo, ceco, ecc.) risale al VI e VII secolo dopo Cristo.

Le più antiche testimonianze storiche degli insediamenti slavi risalgono alla prima metà del primo millennio d.C. A quel tempo gli slavi si stabilirono in una zona chiusa che comprendeva la parte centrale e occidentale dell'Ucraina e le zone di confine con la Polonia. I più antichi nomi slavi delle acque sono stati conservati in questa originaria patria slava. Lì, le tribù slave vivevano in parte in comunità o nel quartiere con le tribù germaniche. I Goti, che all'epoca trasferirono le loro residenze dalla bassa Vistola verso la costa del Mar Nero, apparvero temporaneamente come l'élite dominante degli Slavi. Influenze si possono trovare anche da parte dei nomadi della steppa delle steppe del sud della Russia, vale a dire gli Sciti, i Sarmati e gli Alan. Presumibilmente contingenti di truppe slave sotto la guida degli Unni hanno combattuto contro l'Impero Romano d'Occidente e d'Oriente. Per la formazione della lingua slava (topogenesi), è stato possibile con una certa probabilità identificare un'area tra la Vistola o Bug medio e il Dnieper medio. Tuttavia, non solo le migrazioni dei portatori di questa lingua, ma anche l'assimilazione di persone di origini diverse hanno portato alla "Schiavizzazione" dell'Europa centro-orientale.

A partire dal 500 circa si è sviluppato un enorme processo di espansione che ha fatto dei gruppi di lingua slava la forza dominante in gran parte della zona tra l'Elba e il Volga.

Non molto tempo prima della divisione delle lingue slave nei loro vari rami, deve essere avvenuta una divisione tra la popolazione di lingua slava e quella di lingua baltica. Entrambi avevano parlato in precedenza una variante dei dialetti indoeuropei ancora più antichi e strettamente correlati. Le testimonianze archeologiche danno un quadro simile.

Più o meno subito dopo il crollo dell'Europa germanica, i gruppi di lingua slava compaiono sempre più spesso nelle cronache storiche. Intorno al 500 d.C. avevano raggiunto il confine orientale romano a sud e ad est dei Carpazi, dove effettuavano incursioni.

Il primo contatto diretto tra l'Impero Romano e gli Slavi risale all'inizio del VI secolo d.C. Il punto centrale era il confine del Danubio, che l'Impero Romano d'Oriente riuscì a mantenere fino alla fine del VI secolo. Gli Slavi svernarono per la prima volta sul suolo dell'Impero Romano d'Oriente nell'inverno del 550/551, ma l'aumento delle migrazioni iniziò solo all'inizio degli anni 580.

I nuovi contatti con l'Impero romano d'Oriente hanno accelerato notevolmente i processi di sviluppo tra gli slavi coinvolti. A ciò si aggiungono i pagamenti di sussidi e la ricchezza attraverso i beni saccheggiati, che non avevano mai visto prima. Ciò ha incoraggiato la loro militarizzazione e la formazione di strutture politiche più grandi. Questo a sua volta ha permesso loro di massimizzare i benefici derivanti dal loro nuovo rapporto con i territori bizantini. Quando l'Europa germanica crollò intorno al 550, i gruppi di lingua slava erano già diventati gli "altri" barbari per eccellenza, aggiungendo alla civiltà romana orientale dell'Europa sudorientale.

I territori ex imperiali dominati dagli slavi, gli Sklaviniai, furono gradualmente eliminati da Costantinopoli; nel nord-ovest, ad esempio in Dalmazia, tuttavia, essi costituirono il punto di partenza delle formazioni statali altomedievali (Serbia); nel nord-est, l'espansione meridionale dell'impero bulgaro fu il presupposto per la prima sintesi slavo-bizantina, che avrebbe dato forma anche culturalmente alla Serbia e alla Russia. Da allora, il mondo slavo appartiene a due zone culturali, l'ortodossia bizantina e il cattolicesimo mitteleuropeo. Nelle aree in cui gli insediamenti slavi si sono continuamente sviluppati, molti gruppi tribali più anziani sono entrati, nel tempo, in fusione etnica con altri gruppi. Nel corso di questi processi di equilibrio etnico, i moderni popoli slavi si sono separati. In alcune aree a maggioranza slava c'è stata addirittura l'assimilazione di gruppi etnici non slavi, come i proto-bulgari in Bulgaria e le popolazioni ugro-finniche, i Meriani e Muromer, la cui area di insediamento è stata sovraffollata dai russi nel Medioevo. La situazione era diversa nell'Europa centrale, dove i gruppi tribali slavi avanzarono fino all'Elba e anche oltre nel primo Medioevo.



Chi erano gli slavi dell'Elba?

Dalla metà del VI secolo, i gruppi slavi occidentali sono penetrati nel territorio dell'attuale Germania in diverse ondate di immigrazione.

Dalla fine del VI secolo e nel corso del VII secolo le tribù lusatiane e i precursori dei Wilze immigrarono nel territorio della successiva ex RDT. Dal VII secolo in poi, diverse associazioni tribali si sono sviluppate a partire dai vari immigrati, in particolare i Milzener e i Lusitzi in Lusazia, gli Heveller an der Havel nell'odierno Brandeburgo e i Wilzen/Liutizen nella Pomerania occidentale e nel Brandeburgo settentrionale, nonché gli Abodrites nel Mecklenburg. Un po' isolati vivevano a Rügen e sulla vicina terraferma i Rugani. Ancora più a ovest il Wagrier (Waigri) si stabilì a est di Holstein (fino a Schwentine sul fiordo di Kiel) e il Drewaner a Lüneburg. Le associazioni slave nella Germania nordorientale sono riassunte dai ricercatori sotto i termini Wends, Polaben o Elbslavs.

L'Elba era il confine naturale al quale gli slavi si avvicinarono nel corso della loro espansione medievale vicino all'occidente. Nell'Elba centrale si è sviluppata nel tempo una convivenza pacifica tra Elbslav e Sassoni. Sul basso Elba, tuttavia, gli slavi e i sassoni sono stati ostili l'uno all'altro per secoli. Dalla seconda metà del X secolo, i contatti tra Sassoni e Abslavi si sono ampliati fino a comprendere le relazioni tra Germania e Slovacchia.

Fino al XII secolo, i duchi e i principi tedeschi nella zona di contatto tedesco-slava, nella zona di contatto tedesco-slava, videro il loro compito primario nel soggiogare e cristianizzare gli slavi (generalmente chiamati "Wends" dai tedeschi nel Medioevo) ad est dell'Elba.

Nel corso del successivo insediamento tedesco in Oriente, la maggior parte dei piccoli popoli slavi furono assimilati tra l'Elba e l'Oder. I Sorbi sono l'unico gruppo etnico della regione che ha conservato la sua identità etnica fino ad oggi. Tra i popoli perduti vi sono i Rugiani, i Pomorani e i Dados, nonché gli Elbslav come gli Obodriti e i Lutizen e i Polabi, menzionati per la prima volta nell'XI secolo, che hanno conservato la loro cultura e la loro lingua nativa nei distretti di Lüchow-Dannenberg e Wustrow nel Wendland di Lüneburg fino all'inizio del XVIII secolo. In seguito, questa popolazione locale di origine slava si è assimilata alla circostante popolazione a maggioranza tedesca.

Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi tutti i popoli d‘origine

Ecco come funziona l'analisi dell'origine del DNA

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit di prelievo:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prelievo:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179