Arrow Downward Arrow Downward Close Close Done Done
iGENEA
Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com WhatsApp

Popolo d'origine Berberi - Ancestry e origine

Qual era l'etnogenesi dei berberi?

L'identità etnica berbera è il risultato della fusione tra le popolazioni indigene del Medioevo caspico e gli immigrati neolitici che si sono trasferiti in Nord Africa come contadini del Medio Oriente. Quest'ultima componente ha fornito anche impulsi culturali e linguistici cruciali.
I popoli berberi sono stati menzionati per la prima volta negli scritti degli egiziani durante il periodo predinastico (4000-3032 a.C.). Durante il Nuovo Impero (1550-1070 a.C.), gli Egiziani combatterono sul confine occidentale contro le Meshwe (Ma) e la Libu. A partire dal 945 a.C. circa, gli Egiziani furono governati dal popolo berbero delle Meshvess, che governò la 22a dinastia sotto Sheshonq I. (946-924 A.C.). Questo segnò l'inizio di un lungo periodo di dominio berbero in Egitto, durante il quale i berberi rappresentavano la principale popolazione del deserto occidentale.
Per molti secoli i berberi hanno abitato le coste del Nord Africa dall'Egitto all'Oceano Atlantico. In questo periodo le regioni costiere del Nord Africa hanno conosciuto una lunga serie di conquistatori, coloni e colonizzatori: i fenici che fondarono Cartagine, i greci (soprattutto nel Cirene), i romani, i vandali, gli alani, i bizantini.


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

Quali sono le lingue dei berberi?

Le lingue berbere sono un ramo della famiglia delle lingue afro-asiatiche. Berbero oggi ha circa 40 milioni di altoparlanti. Fino al Medioevo, le lingue berbere erano un continuum di dialetti, frammentati solo dall'invasione dell'arabo. Questo vale soprattutto per il nord dell'area linguistica berbera.

La lingua dei numidiani, il numidico, è strettamente legata al libico (alitlibico). Si conservano più di 1100 iscrizioni numidiche, la maggior parte delle quali monolingue. Le moderne lingue berbere sono anche legate al numida, ma non sono continuatori diretti di questa lingua, scomparsa nella tarda antichità.



Sì. Anche se i Numidiani come popolo e la loro lingua sono morti, la loro scrittura continua a vivere nella moderna scrittura berbera Ti-Finagh.



Qual è l'area di insediamento dei berberi?

L'area di distribuzione storica della popolazione berbera in epoca romana era più a nord e si concentrava nella zona costiera del Mar Mediterraneo.

Al tempo dell'invasione araba nel VII secolo d.C., i Masmuda, i Sanhaja e gli Zanata erano i principali popoli della regione. La successiva migrazione degli arabi verso il Nord Africa spinse i berberi verso l'interno.

Oggi le comunità linguistiche con la lingua madre berbera sono come isole nel mezzo della popolazione a maggioranza di lingua araba. La densità di popolazione dei berberi è in costante diminuzione da ovest (Marocco) a est (Libia). I tuareg sono la popolazione berbera più meridionale.



Chi erano i Numidi?

I numidiani erano berberi e strettamente imparentati con i libici.

I coloni greci della Kyrenaica (Libia nord-occidentale) chiamavano le popolazioni non sedentarie, che si erano diffuse nell'Africa settentrionale ad ovest della Libia fino all'area dell'odierno Marocco. "nomadi" (nomadi). Da qui il nome dei Numidiani, che i Romani chiamavano "Numidae".

I Numidici non sono mai stati politicamente uniti. I regni da loro fondati erano ciascuno sostenuto solo da federazioni tribali regionali.

Probabilmente prima del IV secolo a.C., due gruppi tribali densamente popolati e socialmente organizzati avevano acquisito un profilo distinto, i Massyler (nella regione della Tunisia occidentale e dell'Algeria orientale) e i Masaesyler a sud e a ovest di essa (nella Tunisia meridionale, nell'Algeria occidentale e in Marocco). Durante la prima guerra punica (264-241 a.C.), i Masaesiler si rafforzarono nell'entroterra cartaginese e furono il primo gruppo tribale numidico a determinare l'equilibrio del potere politico in Nord Africa.

Sia i Cartaginesi che i Romani cercarono di conquistare il Masaesyler come alleati. La formazione dei rapporti politici dei re numidiani con il governo cartaginese dipendeva in parte dagli interessi cartaginesi e in parte dalle rivalità interumidiane. Re Massinissa fu uno dei vincitori della Seconda Guerra Punica per il suo atteggiamento filo-romano. Come alleati di Roma, i Massilei parteciparono alla distruzione del potere politico di Cartagine nella terza guerra punica (149-146 a.C.). Il rapporto dei Numidiani con i Romani, che governavano il Nord Africa dalla fine della terza guerra punica, era mutevole. Negli anni dal 111 al 105 a.C. si ribellarono sotto il loro re Jugurtha in una rivolta (guerra giuguriana) contro i governanti coloniali, ma invano. La Numidia era divisa. Nel 46 a.C., la maggior parte fu assorbita amministrativamente nella provincia romana Africa nova.

Verso la fine del periodo coloniale romano molti numidiani avevano acculturato e adottato lo stile di vita romano. Il cristianesimo si è diffuso molto presto. Coloro che non si piegarono alla pressione di assimilazione romana si trasferirono nell'entroterra.

Probabilmente il più famoso africano di origine berbera fu Aurelio Agostino (354-430 d.C.), la cui madre era Numidino e il cui padre proveniva dall'Italia. Ha scritto tutti i suoi scritti in latino.



Qual è la storia dei libici?

Il nome dei Libici (Old Libyans) era usato nell'antichità per riferirsi a tutti i gruppi di popolazione che vivevano ad ovest dell'Egitto. Le loro aree di insediamento sono state riassunte sotto l'antico nome "Libia". Il rapporto dei libici con i loro vicini, gli egiziani a est e i greci nella zona costiera settentrionale, era mutevole e spesso teso.

La cultura dell'Egitto si è irradiata in Libia. Ma le tradizioni culturali locali non sono mai state trasformate.

I libici di oggi, cioè gli abitanti arabi della Libia, non sono discendenti diretti dei libici (Libici antichi) dell'antichità. I contemporanei degli antichi Egiziani, dei Fenici e dei coloni greci erano berberi. Culturalmente e linguisticamente i più vicini ai libici erano i numidi. Dal punto di vista etnico, i libici e i numidi erano, nonostante la loro lingua molto simile, popoli indipendenti con un proprio profilo culturale. La lingua d'insegnamento dei libici era l'egiziano.



Chi erano i Garamantes?

I Garamantes erano un antico popolo berbero che viveva nel Fessan. Si insediarono al più tardi dal V secolo a.C., forse anche dal IX secolo a.C. nell'interno della Libia nell'odierno Fessan. Erano allevatori di cavalli. Usando i carri, erano in grado di soggiogare le popolazioni circostanti. Ci sono anche pitture rupestri dei Garamantes nel Sahara.



Chi sono i Tuareg?

I tuareg sono un popolo berbero. Si dice che siano discendenti dell'antico Garamantes berbero, che sviluppò un nomadismo da cammello guerriero intorno alla nascita di Cristo nelle regioni dell'odierna Tunisia meridionale e della Libia. Nell'XI secolo sono stati cacciati dal Fessan dai beduini arabi e si sono visti spingere nelle zone del Sahara centrale, dove da allora vivono come nomadi. In questo senso, sono riusciti a sfuggire all'arabizzazione della loro cultura. Tuttavia, hanno adottato l'Islam. Dalla metà del XX secolo molti di loro si sono stabiliti. Negli ultimi anni ci sono state ripetute rivolte dei tuareg, che si sentono ostacolati nel continuare il loro stile di vita pastorale e nomade.



Quanti berberi ci sono oggi?

Più di due dozzine di gruppi etnici berberi sono diffusi nell'Africa settentrionale. Circa 36 milioni di persone, circa la metà dell'attuale popolazione del Nord Africa, sono berberi in senso lato, cioè parlano una lingua berbera, discendono dai berberi o hanno almeno un rappresentante berbero nella generazione dei nonni.

Oggi, il numero di coloro che parlano attivamente una delle lingue berbere è di circa 6 milioni. I gruppi principali (inclusi i bilingue) sono Tamaschek/Tamazight (3,5 milioni), Taschelheit/Tachelit (3,5 milioni) e Kabyllic (3 milioni). Molti hanno abbandonato la lingua madre berbera dei loro genitori e si sono assimilati all'arabo; altri sono bilingui (con una lingua berbera come lingua primaria e l'arabo come seconda lingua).

Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi tutti i popoli d‘origine

Ecco come funziona l'analisi dell'origine del DNA

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit di prelievo:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prelievo:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179