iGENEA
Origine in percentuale

L'origine di tutti gli antenati è determinata in base a regioni e percentuali. Una mappa del mondo mostra le tue diverse origini.

Trovare parenti

Riceverai una lista di parenti genetici nel tuo risultato online. Potete contattare i vostri parenti via e-mail per saperne di più sulla tua famiglia e sul tuo background.

Risultato con certificato

Oltre al risultato online, riceverete un nobile certificato di origine in una cornice e altri documenti in una elegante cartella.

Popolo d'origine

Imparerai l'aplogruppo e le migrazioni (tempo preistorico), i popoli primitivi (antichità) e la regione di origine (Medioevo) della linea paterna (uomini) OPPURE della linea materna (donne).

Tutti i popoli d‘origine

Solo con il test iGENEA Expert è possibile conoscere esattamente gli aplogruppi e le migrazioni (epoca preistorica), i popoli primitivi (antichità) e le regioni di origine (Medioevo) della linea paterna E materna.

Tutti i parenti

Solo con il test iGENEA Expert troverete tutti i vostri parenti genetici nel nostro database.

Più parenti

Riceverai un elenco supplementare di altri parenti della linea paterna (uomini) OPPURE della linea materna (donne).

Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com Live-Chat WhatsApp

Popolo d'origine Indoeuropei - Ancestry e origine

Studi indoeuropei

Nel 1816 il tedesco Franz Bopp (1791-1867), nel suo libro "Über das Conjugationssystem der Sanskritsprache in Vergleich mit dem dem dem dem dem der griechischen, Latin, Persian und Germanischen Sprache" (Sul sistema di coniugazione della lingua sanscrita rispetto a quella greca, latina, persiana e germanica), fornisce una prova metodica della parentela di queste lingue e fonda così gli studi indoeuropei tedeschi. Il termine "indo germanico" è orientato verso i gruppi linguistici geograficamente più lontani dell'area di distribuzione (pre-coloniale), le lingue indo-ariane nel sud-est (con il Sinhala nello Sri Lanka) e le lingue germaniche con l'islandese nel nord-ovest.
Le lingue indoeuropee sono considerate affini dal punto di vista genealogico, cioè come "lingue figlie" di una "lingua madre", l'urindogermanico non più conservato. Questa lingua originale indoeuropea è il comune precursore delle lingue indoeuropee, che non è stata documentata, ma è stata resa accessibile con metodi linguistici. È una delle più importanti conquiste dei linguisti dall'inizio del XIX secolo l'aver ricostruito in modo plausibile il vocabolario e la struttura grammaticale di questa lingua originale in gran parte dall'indagine delle somiglianze e delle differenze sistematiche delle lingue indoeuropee. La ricostruzione si basa principalmente sulle caratteristiche comuni delle forme grammaticali e sulle parole correlate.
Mentre per questa famiglia linguistica nell'uso della lingua tedesca la denominazione è rimasta con "indogermanico", a livello internazionale la denominazione "indoeuropeo" è più comune. Di conseguenza, la lingua originale viene chiamata "Proto-Indo-Europeo". Le classificazioni spaziali e temporali di questo linguaggio sono da considerarsi speculative. Basandosi su steli di parole comuni a tutte le lingue indoeuropee, l'etnolinguistica, in collaborazione con l'archeologia, cerca di determinare l'area di origine dell'indoeuropeo e di metterlo in relazione con i popoli o le culture preistoriche. Tuttavia, nella questione di una patria primordiale, occorre sempre distinguere tra un'ipotetica ricostruzione storico-linguistica delle influenze locali nel contesto della formazione delle prime parole radice indoeuropee comprensibili e, al contrario, un'identificazione di persone, lingua e spazio (teoria della continuità).
Alcune ipotesi sono influenzate in modo significativo dal nazionalismo o si sono appropriate di un'ideologia (ad esempio nel nazionalsocialismo).
I linguisti che descrivono una proto-lingua cercano spesso di trovare prove archeologiche per quella proto-lingua, e a volte (ma meno spesso) gli archeologi che descrivono una cultura cercano di trovare prove linguistiche in assenza di dati storici. Ciò non toglie che un rapporto tra proto-lingue e culture sia in linea di principio ipotetico, per cui se è possibile parlare di società in generale e la comunità di parlanti della proto-lingua ricostruita linguisticamente può essere stata in tutto o in parte portatrice della cultura archeologica in questione, non si può dire con certezza che queste società fossero un unico popolo o che la loro lingua fosse limitata al livello culturale.


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

Regione di origine e aree di insediamento

Le caratteristiche comuni delle lingue indoeuropee conosciute presuppongono, in ultima analisi, dei precursori linguistici comuni e una "patria originale" geograficamente più ristretta o più limitata o una certa area di espressione in cui la lingua originale può avere avuto origine o almeno è stata effettivamente parlata in un certo momento storico.

Questa regione di origine è stata ricercata nel Vicino Oriente, nel Caucaso, ma anche in varie altre regioni. I limiti geografici, che si basano unilateralmente su dati archeologici o storici comparativi o su dati genetici umani, consentono diverse alternative. In una valutazione interdisciplinare dei dati disponibili, tuttavia, la maggior parte delle ipotesi iniziali proposte dalle singole discipline sono escluse.

La diffusione dell'agricoltura dall'Asia Minore all'Europa è stata direttamente correlata alla diffusione delle popolazioni indoeuropee e delle loro lingue. In questo tentativo di spiegazione sorgono problemi cronologici. La coltivazione dei seminativi, la cui diffusione era iniziata nell'Europa sudorientale nel VII millennio a.C., raggiunse l'Europa orientale intorno al 5500 a.C., in un'epoca in cui le popolazioni indogermaniche vi abitavano già. Ciò è indicato dalla continuità di insediamento tra il Don e il Volga e a nord-ovest del Mar Caspio.

D'altra parte, i risultati dell'archeologia, della linguistica storico-comparativa e della genetica umana possono essere casualmente correlati se si parte dalla tesi che i popoli indo germanici si sono originariamente insediati nell'Europa orientale e che i gruppi di popolazione ivi residenti sono migrati in diverse ondate verso l'Europa occidentale da un lato, verso l'Asia centrale e oltre, verso gli altipiani iraniani e l'India. La regione baltica è una zona di prima espansione indoeuropea, che è partita dalle pianure del Volga. Tracce linguistiche molto antiche si trovano ancora nei nomi dei fiumi e delle acque.

Nell'area di insediamento originario dei popoli indogermanici si può osservare nell'orizzonte del tempo una complessa sequenza di diversi strati culturali (cultura Elshan del VII millennio a.C., cultura di Samara circa 6000-5000 a.C., cultura Khwalynsk nella steppa e nella cintura forestale del medio Volga tra il 5000 e il 4500 a.C., Sredni Stog circa 4500-3350 a.C.).

I gruppi di popolazione indogermanici hanno avuto contatti culturali e linguistici con i popoli vicini in una fase iniziale. Tra i contatti più antichi ci sono quelli con gli Uraliani della zona forestale a nord della patria originaria indoeuropea, risalenti al VI millennio a.C. Nel V millennio a.C. iniziarono i contatti del popolo indogermanico con i vicini del sud, i caucasici. Anche i precedenti contatti dei nomadi della steppa indoeuropea con i vecchi europei nella regione costiera nord-occidentale del Mar Nero (regione di Varna in Bulgaria) rientrano in questo periodo.

I nomi che i primi indogermanici e i loro gruppi locali si sono dati sono noti solo in parte (ariani). L'area di distribuzione dei popoli e delle lingue indoeuropee si estende dall'Europa occidentale al subcontinente indiano e alla Cina (bacino del Tarim). Nel corso dell'espansione il In origine il complesso proto-indoeuropeo si dissolse sempre più in gravitazioni regionali con un particolare sviluppo culturale e linguistico.



La diffusione delle specie indo germaniche

Nella comunità scientifica si discute intensamente anche di come la lingua e la cultura del popolo indogermanico si sia diffusa nella successiva area linguistica indogermanica o indo ariana (contatto linguistico). Le idee vanno da un'invasione dei popoli indogermanici in Europa e in India, a una graduale infiltrazione e mescolanza, fino alla mera trasmissione di conquiste linguistiche e culturali senza significativi scambi genetici.

Secondo l'ipotesi kurgan di Marija Gimbutas, il popolo indogermanico si è spostato verso ovest, verso sud e verso est in diverse ondate tra il 4400 e il 2200 a.C. Vede una lunga siccità come il fattore scatenante.

Ovunque nell'Europa centrale e occidentale i migranti indogermanici hanno incontrato popolazioni non indogermaniche. Queste sono state gradualmente spostate, assimilate, o sono emerse culture miste regionali come quella dei celtiberi, con una fusione di elementi non indoeuropei (iberi) e indoeuropei (celti).



Agli antichi europei

La teoria della vecchia Europa pre-indoeuropea dipende dal presupposto che la diffusione della lingua indoeuropea sia stata accompagnata dall'immigrazione fisica di una nuova popolazione. Pertanto, le culture europee pre-indogermaniche sono chiamate "Vecchio Europeo".

I "vecchi europei" erano i primi agricoltori che si stabilirono in Europa nel Neolitico. Si tratta di gruppi di popolazione pre-Indo-Germanica, la cui distribuzione nell'antichità può essere determinata con l'aiuto delle scoperte della genetica umana. I popoli di allora hanno lasciato la loro "impronta" genetica nel profilo genomico delle popolazioni successive.

Tra i popoli pre-Indo-Germanici della Vecchia Europa ci sono (in parte anche di origine anatolica):

- i baschi,

- gli Etruschi,

- i Pelasgi,

- i Lelegi,

- gli iberici,

- i liguri (incerto),

- i Reti,

- il Sikanen,

- gli Elimi,

- i Minoici,

- i lusitani (discutibile),

- i ceramisti della banda,

- la cultura Vinca

e altri.

Sono considerati più antichi delle tribù celtiche, ma sono stati assimilati da loro per la maggior parte prima di essere a loro volta romanizzati, soprattutto linguisticamente, dagli italiani.

Il Kurgan cammina

Numerosi indogermanisti hanno cercato di determinare la casa originale dei loro portatori analizzando i nomi di piante e animali comuni ad alcune lingue indogermaniche, che fanno quindi parte della lingua originale indogermanica. Questi approcci sono stati criticati a causa dei frequenti cambiamenti di significato. Tuttavia, i nomi comuni di piante e animali indicano latitudini medie o temperate e, a causa delle parole di prestito, i primi contatti con i parlanti delle lingue uralica e altaica.

Queste considerazioni e analisi linguistiche puntano, nell'ipotesi kurghiana, oggi in maggioranza, a un'area della Russia meridionale come centro di propagazione, a pastori che non erano più cacciatori-raccoglitori e - analogamente ai termini corrispondenti nella lingua indoeuropea di base - presumibilmente praticavano un'agricoltura rudimentale. I termini indo germanici comuni per l'agricoltura, come aratro, così come per il trasporto, come ruota, carro e giogo, suggeriscono che le tribù indo germaniche si sono diffuse solo dopo aver preso in mano il trasporto su carro (inizialmente trainato da buoi). Secondo questo, non possono essere stati i portatori dei primi seminativi che migrarono dall'Asia Minore all'Europa nel Neolitico Antico, ma relativamente tardi (circa 3600-2600 a.C.). Già nel VII millennio a.C. il clima secco a nord del Mar Nero aveva portato alla desertificazione del paesaggio. La steppa della Russia meridionale è stata creata in quel periodo. Gli abitanti della regione hanno adattato il loro stile di vita all'ambiente sterile, sono diventati nomadi del bestiame. Prima il cavallo è stato domato, poi il toro selvatico, la capra e la pecora. Questi nomadi del bestiame erano indoeuropei. Intorno al 5500 a.C. la conoscenza della coltivazione della terra con gli agricoltori non indoeuropei dell'ovest raggiunse la regione dei nomadi del bestiame. Il suolo della steppa non era molto fertile, e per coltivare la terra erano necessarie aree più grandi rispetto ai terreni fertili più a ovest. L'area attraverso la quale i nomadi del bestiame si spostavano con le loro mandrie si restringeva gradualmente. La pressione per insediarsi in occidente ha fatto sì che la popolazione nomade si spostasse gradualmente verso est. Queste estese migrazioni dei nomadi del bestiame sono chiamate "migrazioni kurgan" in riferimento ai segni visibili della sepoltura della loro élite di guerrieri, tumuli monumentali ("kurgan"). Ci sono state tre migrazioni kurgan:

- Kurgan I: tra circa 4500 e 4300 a.C.; aree di destinazione: Area della cultura di Suvorovo (Moldavia, corso inferiore del Danubio in Romania, nord-est della Bulgaria), valle del Danubio, Ungheria meridionale;

- Kurgan II: ca. 3500 a.C.; aree di destinazione: Le aree interne dei Balcani al di là delle valli fluviali, che si estendono nella regione alpina;

- Kurgan III: ca. 3100-2900 a.C.; zone di destinazione: Costa adriatica, Albania, costa del Nord e del Mar Baltico, Stati Baltici e Scandinavia meridionale.

Con la terza ondata, i popoli indogermanici hanno raggiunto l'Albania e la Grecia settentrionale. Lì la loro cultura si sovrapponeva a quella della popolazione anziana. Nel periodo tra il 2300 e il 2200 a.C., cioè verso la fine del primo periodo elladico, si verificò il decisivo sconvolgimento culturale. A quel tempo, in quella regione si era formato un certo profilo etnoculturale, che poi è diventato greco.

L'ipotesi kurghiana postula un rapido sconvolgimento sociale, di cui cadono vittime le culture neolitiche più antiche di gran parte dell'Europa, comprensibili fin dal VII millennio a.C.. Alle culture contadine socialmente non stratificate e presumibilmente matrilineari si sovrappone uno strato patriarcale e feudale di conquista indo germanica, che, per la sua superiorità bellica e tecnologica e nonostante una notevole inferiorità numerica, afferma la sua lingua e la sua struttura sociale.

L'ipotesi kurgan di Marija Gimbutas è controversa per una serie di motivi, come tutte le altre ipotesi sulla patria indogermanica. Nell'archeologia si discute se le culture kurgan fossero davvero nomadi pastorali, quale ruolo potessero avere i guerrieri a cavallo o i guerrieri equestri nell'ipotetica espansione del popolo kurgan verso l'Europa sudorientale e centrale, e se vi siano prove sufficienti per un'immigrazione di kurgan come possibili relatori dell'indoeuropeo. Si discute anche delle prove linguistiche e genetiche del presunto movimento migratorio.

L'ipotesi di Marija Gimbutas, tuttavia, si adatta meglio alla constatazione linguistica che il popolo indogermanico non è venuto in Europa all'inizio del Neolitico, ma è avanzato verso ovest solo in un periodo relativamente tardo del III millennio a.C.. Con queste presunte migrazioni, il cavallo si è diffuso anche verso ovest.

Uno studio genetico pubblicato nel 2015 dai ricercatori della Harvard Medical School di Boston sostiene la teoria di Gimbuta. I ricercatori hanno individuato due ondate di immigrazione in Europa. In primo luogo, tra il 5000 e il 6000 a.C., i primi contadini arrivarono dal Medio Oriente passando per l'Anatolia. Dopo il 4000 a.C. ci deve essere stata una massiccia immigrazione dalle steppe della Russia meridionale.

Secondo l'ipotesi kurgan di Marija Gimbutas, il popolo indogermanico si è spostato verso ovest, verso sud e verso est in diverse ondate tra il 4400 e il 2200 a.C. Vede una lunga siccità come il fattore scatenante, che i geologi moderni hanno potuto spiegare solo di recente, alla fine del monsone del Mediterraneo orientale, finora sconosciuto, dal 7000 al 4500 a.C. circa.

Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi Australiani aborigeni Arabi Berberi Cinese Daci Etruschi Iberi Nativi americani Inca Inuit Popoli dell'Italia antica Giapponesi Curdi Liguri Maya Mongoli Popoli dell' Oceania Persiani Roma Sciti Slavi Tibetani Fenici Indiani Coreani Bantu Popoli turchi Sami Illiri Vandali Balti Macedoni Helleni Unni Traci Finno-Ugri Indoeuropei

Test delle origini e genealogia del DNA: come funziona?

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit per il test
Ordinare il kit per il test:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prova
Ottenere il kit di prova:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni
Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni
Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato
Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

  • iGENEA Basic

    Ordinato dal 29% dei clienti interessati al test sulle origini.

    179 EUR
    Ordinare  
  • iGENEA Premium

    Ordinato dal 55% dei clienti interessati al test sulle origini.

    499 EUR
    Ordinare  
  • iGENEA Expert

    Ordinato dal 16% dei clienti interessati al test sulle origini.

    1299 EUR
    Ordinare