Arrow Downward Arrow Downward Close Close Done Done
iGENEA
Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com WhatsApp

Popolo d'origine Popoli turchi - Ancestry e origine

Chi sono i popoli turchi?

I popoli turchi sono un gruppo di circa 40 gruppi etnici dell'Asia centrale e occidentale, ma anche della Siberia e dell'Europa orientale, le cui lingue appartengono alla famiglia linguistica delle lingue turche. Questa famiglia comprende la lingua turca e circa 40 lingue relativamente vicine tra loro, per un totale di circa 180-200 milioni di parlanti. I popoli turchi a volte vengono anche chiamati erroneamente "popoli turchi", "popoli turchi" o "turchi".


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

qual è stata l'etnogenesi dei popoli turchi?

La casa originaria degli antenati dei turchi, chiamata Kök Turks, si trovava in Asia centrale e nella Cina occidentale ed era chiamata Chaganat dei turchi di Kök dal VI all'VIII secolo.

Il termine "Turco" apparve per la prima volta nel 552 d.C., quando la tribù dei "Türük" fondò la sua federazione tribale, oggi nota come "Impero dei Turchi di Kök". L'impero dei Kök-Turchi è esistito dal 552 al 744 come unione di tribù nomadi. L'area di insediamento del più antico popolo conosciuto come Turco si trovava nell'Asia centro-orientale, in un'area che si estendeva dalle montagne dell'Altai a Tianshan a ovest e dal lago Baikal a nord fino ad Altun a sud. Dopo la caduta dell'Impero di Kök-Turchia (745), sul suo territorio furono fondati vari imperi successori turchi. Nel corso della dissoluzione dell'impero, varie tribù sono migrate verso ovest - tra le più importanti ci sono i Khazar, che hanno fondato uno stato sul Mare di Azov. Le migrazioni dall'impero dei turchi di Kök portarono alla fondazione di vari imperi come quelli dei Qarakhanidi, dei Selgiuchidi o degli Ottomani. Hanno anche guidato gruppi di lingua turca in Medio Oriente e in Anatolia.

Con l'ascesa del "turco", il nome fu trasferito come termine politico a tutta una serie di altri nomadi e popoli, e infine, attraverso un processo che ancora oggi non è pienamente compreso, fu adottato come termine generale per un'intera famiglia di lingue e popoli - prima dagli studiosi musulmani, poi anche in Europa. Questa è anche l'origine del nome della popolazione turca dell'Anatolia.

La più antica testimonianza storica di un popolo turco è contenuta nelle fonti cinesi del III secolo a.C., in cui sono menzionati gli Unni. L'area di insediamento originario delle popolazioni turche si trovava nel sud della Siberia. Fu da questa regione che iniziarono le migrazioni che portarono le popolazioni turche attraverso l'Asia centrale verso l'Asia occidentale e l'Europa orientale durante il Medioevo. Attraverso contatti culturali, storici e geopolitici con il mondo islamico, la tradizione islamica si è consolidata tra la maggior parte dei popoli turchi. Fanno eccezione, tra gli altri, gli Yakut (seguaci di una religione naturale) e i Chuvash cristiani ortodossi.

Qual è la storia dei turchi in Europa?

La vera storia dei turchi inizia con l'arrivo dei gruppi tribali turchi in Asia occidentale. A partire dal V secolo d.C., le tribù turche erano migrate dalla Siberia meridionale all'Asia centrale e da lì all'Europa orientale (Caucaso settentrionale ai piedi delle colline, regione del Volga). Gli Unni avanzarono più lontano e si stabilirono nel sud dell'Ungheria.

Le prime formazioni dell'impero si sono formate sul suolo europeo (Impero dei Proto-Bulgari nel V e VI secolo d.C., Khanato dei Khazar nel VII secolo d.C., ecc.)

I popoli turchi degli Unni, dei Khazar, degli Onogur, dei Protobulgari, dei Bulgari del Volga, dei Pechenegeni e dei Kuman si sono assimilati. Così i proto-bulgari in Bulgaria hanno governato come un'élite sui gruppi tribali slavi del sud. La dominazione turca in Bulgaria è durata circa 150 anni. Gli slavi da loro governati si chiamavano bulgari con il nome della loro élite. A partire dal IX secolo, i bulgari del Danubio, che nel frattempo erano diventati cristiani, assimilarono sempre più le usanze slave e quelle slave del Sud (bulgari).



Qual è la storia dei turchi in Anatolia?

Solo più tardi, nell'XI secolo, gruppi di popolazione turca raggiunsero anche il Medio Oriente e l'Anatolia. Il clan dei Selgiuchidi si stabilì in quello che oggi è l'Iran e l'Anatolia. L'Impero Selgiuchide durò in Iran tra il 1040 e il 1157, in Anatolia fino al 1308, e nel 1071 i Selgiuchidi ottennero una vittoria decisiva sull'esercito romano orientale a Malazgirt e fondarono il Sultanato di Konya e Kayseri. Gli insediamenti turchi in Anatolia hanno registrato un costante afflusso di migranti dall'Asia centrale. Il turco è diventato rapidamente la lingua di comunicazione tra le varie parti della popolazione.

I Selgiuchidi anatolici furono seguiti dai turchi ottomani, che poco dopo portarono gran parte dell'Anatolia sotto il loro dominio e conquistarono Costantinopoli nel 1453. Con enormi campagne di guerra gli Ottomani conquistarono un impero che si estendeva dall'Armenia all'Ungheria, dalle steppe della Russia meridionale al Nord Africa. Ampie parti della Penisola Arabica e della regione del Mediterraneo appartenevano anche all'Impero Ottomano.

L'Impero Ottomano era uno stato multietnico. All'epoca della sua maggiore espansione nel XVII secolo, si estendeva dalle zone centrali dell'Asia Minore e della Rumelia verso nord fino alla zona intorno al Mar Nero e al Mar d'Azov, verso ovest fino ai Balcani. Per secoli l'Impero Ottomano ha rivendicato un ruolo di grande potenza europea a livello politico, militare ed economico a fianco del Sacro Romano Impero, della Francia e dell'Inghilterra.

Nel corso del XVIII e soprattutto nel XIX secolo, l'impero ha subito notevoli perdite territoriali nelle sue terre romene principali, in conflitto con le potenze europee e a causa della lotta nazionale per l'indipendenza.



Chi sono i turchi di oggi?

La Turchia fu fondata nel 1923 come stato successore dell'Impero Ottomano.

Circa 65 milioni di persone in tutto il mondo sono considerate turche in senso etnico. Circa 58 milioni di turchi vivono principalmente nella Repubblica di Turchia che porta il loro nome. La lingua nazionale e ufficiale dell'odierna Turchia è il turco, che è parlato da oltre l'80% della popolazione come lingua madre e da un ulteriore 10-15% come seconda lingua.

Il gruppo della popolazione turca è definito in modo diverso. Dal 1965, il governo turco ha incluso gruppi di popolazione che a volte sono considerati da altre fonti come membri di altri popoli turchi. Questo include circa 600.000 azerbaigiani, fino a 200.000 meskhetiani e turkmeni, circa 15.000 gagauzi, circa 1.000 kazaki, kirghisi, kumiki, uzbeki e 500 uiguri.

La stragrande maggioranza dei religiosi turchi sono sunniti. Il secondo gruppo religioso più numeroso è quello degli aleviti. Almeno 8 milioni di turchi vivono nei Balcani, nell'Europa occidentale, a Cipro, in Medio Oriente e oltreoceano. Tra il 1950 e il 2008 circa 3-5 milioni di turchi erano emigrati in Europa. Nel 2015 c'erano 1,5 milioni di cittadini turchi, nel 2013 quasi tre milioni di "turchi" (inclusi i curdi) vivevano nella sola Germania.



Chi sono i turchi balcanici?

I turchi dei Balcani si sono stabiliti in Rumelia, la parte europea dell'Impero Ottomano, fin dal XIV secolo. Sebbene molti turchi siano emigrati o siano stati cacciati in Asia Minore e in Tracia orientale durante la repulsione del dominio ottomano dall'Europa sud-orientale nel corso del XIX secolo e all'inizio del XX secolo, alcuni sono rimasti nelle loro aree di insediamento nei Balcani. In alcuni Stati del Sud-Est Europa formano ancora una minoranza nazionale più grande.

I turchi dei Balcani si insediano principalmente nei seguenti paesi:

- Bulgaria: 588.000 (censimento 2011)

- Grecia: 80.000-120.000

- Macedonia: 77.959 (secondo il censimento 2002 in Macedonia)

- Romania: 35.000

- Kosovo: 18.738 (censimento 2011, ma stime più elevate)



Quali popoli turchi ci sono in Russia?

I popoli turchi si insediano sia nella parte europea della Russia che in Siberia. In totale ci sono oggi circa 10 milioni di non russi di origine turca in Russia. Molti popoli turchi, la cui area di insediamento apparteneva al territorio dell'Unione Sovietica fino al 1991, vivono ora nei loro Stati nazionali (come in Azerbaigian e nelle repubbliche dell'Asia centrale) o come minoranze negli Stati vicini della Russia (come i tatari di Crimea, i gagauziani e i caraimani in Ucraina, i gagauziani in Moldavia).

A differenza dei tatari siberiani della Siberia occidentale, i popoli turchi che si insediano più a est non sono musulmani, ma cristiani, buddisti e membri di altre religioni.



Dov'è il Turkestan?

Turkestan ("Terra dei Turchi") era il nome persiano di una regione dell'Asia centrale non definita che si estendeva dal Mar Caspio a ovest fino al deserto del Gobi a est. L'area si estendeva per circa 2.500.000 km² e oggi appartiene principalmente a sette stati. Il Turkestan occidentale comprende anche gli attuali Stati del Kirghizistan, del Tagikistan, del Turkmenistan e dell'Uzbekistan.

Oggi nella zona del Turkestan vivono diverse etnie, di cui quelle di lingua turca sono oggi la maggioranza.

Dopo la rivoluzione russa (1917), le Repubbliche popolari sovietiche di Bukhara e Khorezmia e la Repubblica socialista sovietica autonoma del Turkestan si formarono nel Turkestan occidentale. Da questa nuova repubblica si sono poi formate tra il 1924 e il 1936.

Con il crollo dell'Unione Sovietica, gli Stati di Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan e Turkmenistan sono stati proclamati nel Turkestan occidentale.



Chi sono i turkmeni?

I turkmeni sono un popolo turco e sono strettamente legati agli altri popoli turchi dell'Asia centrale.

Essi formano la nazione titolare della Repubblica indipendente del Turkmenistan, dove oggi costituiscono circa l'80 per cento della popolazione. I turkmeni sono ancora fortemente divisi in numerose tribù. Nelle steppe vivono per lo più nomadi e nelle città sono sedentarie. Dal 1940 il turkmeno è scritto in cirillico.

Il popolo turkmeno o turco-romano in Iraq, Siria e Giordania si distingue dai turkmeni dell'Asia centrale. Si presume che alcuni di questi gruppi etnici siano emigrati in Mesopotamia sotto il dominio dei Selgiuchidi, ma sono stati plasmati anche dai secoli del dominio ottomano e dall'apparato amministrativo turco in questi paesi.



Chi sono gli azeri?

Gli azerbaigiani sono un gruppo etnico di lingua turca dell'Asia occidentale. La loro area di insediamento si estende dal nord-ovest dell'Iran alla Repubblica dell'Azerbaigian. Attualmente ci sono circa 25 milioni di azerbaigiani in tutto il mondo. Circa 9,5 milioni di azerbaigiani vivono in Azerbaigian e 12-15 milioni nel vicino Iran (circa il 16% della popolazione totale).

Gli azerbaigiani si riferiscono occasionalmente a se stessi come turchi azerbaigiani a causa della loro stretta affinità linguistica con i turchi. L'Azerbaigian è il paese più vicino ai turkmeni.

La maggior parte degli azerbaigiani sono sciiti, mentre circa il 35% sono sunniti. Lo scisma religioso ha impedito per lungo tempo l'emergere di una coscienza nazionale.

Gli azerbaigiani sono arrivati nelle loro attuali aree di insediamento come migranti nell'alto Medioevo, nel corso della migrazione delle tribù turche dalla Siberia meridionale attraverso l'Asia centrale verso l'Asia occidentale.

La Repubblica Democratica dell'Azerbaigian (1918-1920) è stata la prima repubblica democratica e laica del mondo musulmano dopo la Repubblica Popolare di Crimea. La Repubblica socialista sovietica azerbaigiana era uno stato costituente dell'Unione Sovietica. Il 18 ottobre 1991, il paese divenne finalmente indipendente dall'Unione Sovietica come Azerbaigian.



Chi sono i tartari?

I tartari del medio Volga sono un popolo di 7 milioni di persone, di cui 5,5 milioni sono nativi della Russia.

I tatari veri e propri, cioè i Turkotatars, sono considerati discendenti di una miscela di Volga-Bulgari e Kipchaks con i "Tataro-Mongoliani" (Turkomongols). La loro vera storia inizia con l'Orda d'Oro nel XIII secolo. Erano il nucleo centrale della popolazione dei khanati (principati) di Kazan, Astrakhan, Kasimov, Sibir (Siberia) e del khanato di Crimea.



Chi sono i kazaki?

I kazaki sono un popolo turco con circa 13 milioni di membri, principalmente in Kazakistan, ma anche in Mongolia (dove sono la più grande minoranza di lingua turca), in Russia (1.300.000) e nella Repubblica Popolare Cinese (2.200.000), in Uzbekistan (800.000), in Iran (15.000), in Afghanistan (45.000) e in Turchia (30.000). In fisionomia mostrano caratteristiche mongoloidi (Altaic) più forti rispetto alla maggior parte degli altri popoli turchi dell'Asia centrale. I risultati della genetica hanno confermato l'ancoraggio di queste sorprendenti caratteristiche antropologiche esterne nel pool genetico.

L'etnogenesi dei kazaki ha le sue origini nel XV secolo, quando alcuni gruppi tribali turchi emigrarono dall'impero uzbeko, appena fondato, all'attuale Kazakistan come risultato della secessione, e vi si sviluppò un profilo etnico-culturale locale.

Dalla metà del XVIII secolo il Kazakistan faceva parte della sfera d'influenza russa e successivamente apparteneva all'Unione Sovietica fino all'indipendenza, avvenuta il 16 dicembre 1991. Il kazako, usato come lingua scritta fin dal XIX secolo, è la lingua ufficiale del Kazakistan dal 1991.

Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi tutti i popoli d‘origine

Ecco come funziona l'analisi dell'origine del DNA

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit di prelievo:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prelievo:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179